PUBBLICAZIONI PUBMED DR. LORENZO CALVIB

Studio comparativo

J Pharm Biomed Anal 

. 20 febbraio 2018; 150: 208-219.

 doi: 10.1016 / j.jpba.2017.11.073. Epub 2017 22 dicembre.

Valutazione completa della qualità dell’infiorescenza di Cannabis sativa L. medica e degli oli macerati basati su HS-SPME accoppiato all’approccio GC-MS e LC-HRMS (q-exactive orbitrap®)                               Lorenzo Calvi 1Daniela Pentimalli 2Sara Panseri 3Luca Giupponi 2Fabrizio Gelmini 4Giangiacomo Beretta 5Davide Vitali 6,            Massimo Bruno 6Emanuela Zilio 2Radmila Pavlovic 6Annamaria Giorgi 7

Affiliazioni espandere

Astratto

Ci sono almeno 554 composti identificati in C. sativa L., tra cui 113 fitocannabinoidi e 120 terpeni. Le differenze di composizione del fitocomplesso tra le proprietà farmaceutiche di diversi chemiotipi di cannabis medica sono state attribuite a strette interazioni, definite come “effetto entourage”, tra cannabinoidi e terpeni come risultato dell’azione sinergica. La complessità chimica dei suoi componenti bioattivi evidenzia la necessità di approcci analitici standardizzati e ben definiti in grado di caratterizzare il chemiotipo vegetale, la qualità dei farmaci a base di erbe nonché di monitorare la qualità degli estratti e dei preparati di cannabis farmaceutica. Quindi,® ) sono stati istituiti, convalidati e applicati per la profilazione approfondita e il fingerprinting di cannabinoidi e terpeni in due varietà di infiorescenze di Cannabis sativa L. autorizzate (Bedrocan ® e Bediol ® ) e negli oli macerati ottenuti. Per comprendere meglio la tendenza di tutti i composti volatili e i cannabinoidi durante la conservazione dell’olio, è stata testata una nuova procedura per la preparazione di olio macerato di cannabis senza alcun passaggio termico e confrontata con i metodi convenzionali esistenti per valutare l’effetto potenzialmente dannoso del riscaldamento sulla qualità complessiva del prodotto.                                                  Parole chiave: Bediol (®); Bedrocan (®); Cannabinoidi; Cannabis sativa L .; GC – MS; HS-SPME; LC-Orbitrap; Terpeni.

Copyright © 2017 Elsevier BV Tutti i diritti riservati.

Molecole

. 20 maggio 2018; 23 (5): 1230.

 doi: 10.3390 / molecules23051230.

Caratteristiche qualitative degli “oli di cannabidiolo”: contenuto di cannabinoidi, impronta digitale dei terpeni e stabilità all’ossidazione dei preparati disponibili in commercio in Europa

Radmila Pavlovic 1 2Giorgio Nenna 3Lorenzo Calvi 4Sara Panseri 5Gigliola Borgonovo 6Luca Giupponi 7 8Giuseppe Cannazza 9Annamaria Giorgi 10 11

Affiliazioni espandere

  • PMID: 29783790

 PMCID: PMC6100014

DOI: 10.3390 / molecules23051230

Articolo PMC gratuito

Astratto

Le preparazioni di olio a base di cannabidiolo (CBD) stanno diventando estremamente popolari, poiché è stato dimostrato che il CBD ha effetti benefici sulla salute umana. I preparati di olio a base di CBD non sono regolamentati in modo univoco dalla legislazione europea, poiché il CBD non è considerato una sostanza controllata. Ciò significa che le aziende possono produrre e distribuire prodotti CBD derivati ​​da varietà di canapa non psicoattive, fornendo un facile accesso a questo cannabinoide estremamente vantaggioso. Ciò lascia i consumatori senza garanzie legali di qualità. L’obiettivo di questo progetto era valutare la qualità di 14 oli CBD disponibili in commercio nei paesi europei. Una profilazione chimica approfondita dei cannabinoidi, terpeni e prodotti di ossidazione sono stati condotti mediante GC-MS e HPLC-Q-Exactive-Orbitrap-MS al fine di migliorare la conoscenza delle caratteristiche degli oli di CBD. Nove dei 14 campioni studiati avevano concentrazioni che differivano notevolmente dalla quantità dichiarata, mentre i restanti cinque hanno conservato il CBD entro limiti ottimali. I nostri risultati hanno evidenziato un’ampia variabilità nel profilo dei cannabinoidi che giustifica la necessità di normative severe e standardizzate. Inoltre, l’impronta digitale dei terpeni può servire come indicatore della qualità delle varietà di canapa, mentre il profilo dei prodotti di ossidazione dei lipidi potrebbe contribuire alla valutazione della stabilità dell’olio utilizzato come ambiente per estratti ricchi di CBD. mentre i restanti cinque hanno conservato il CBD entro limiti ottimali. I nostri risultati hanno evidenziato un’ampia variabilità nel profilo dei cannabinoidi che giustifica la necessità di normative severe e standardizzate. Inoltre, l’impronta digitale dei terpeni può servire come indicatore della qualità delle varietà di canapa, mentre il profilo dei prodotti di ossidazione dei lipidi potrebbe contribuire alla valutazione della stabilità dell’olio utilizzato come ambiente per estratti ricchi di CBD. mentre i restanti cinque hanno conservato il CBD entro limiti ottimali. I nostri risultati hanno evidenziato un’ampia variabilità nel profilo dei cannabinoidi che giustifica la necessità di normative severe e standardizzate. Inoltre, l’impronta digitale dei terpeni può servire come indicatore della qualità delle varietà di canapa, mentre il profilo dei prodotti di ossidazione dei lipidi potrebbe contribuire alla valutazione della stabilità dell’olio utilizzato come ambiente per estratti ricchi di CBD.

Parole chiave: olio di CBD; GC-MS; HPLC-Q-Exactive-Orbitrap-MS; cannabidiolo; olio di semi di canapa; terpeni.

Dichiarazione di conflitto di interessi

Gli autori dichiarano assenza di conflitto di interesse.

© 2015-2021 www.cannabis-medicinale.com— Le informazioni fornite su “www.cannabis-medicinale.com” hanno un taglio scientifico, ma sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato alla professione. Il sito www.cannabis-medicinale.com o i suoi autori non possono essere in ogni caso ritenuti responsabili circa i risultati o le conseguenze di un qualsiasi utilizzo improprio o tentativo di utilizzo di una qualsiasi delle informazioni pubblicate.